Molti tessuti prima di essere lavorati devono necessariamente subire un trattamento. Qual’è secondo te il trattamento del tessuto da applicare? E’ sempre lo stesso trattamento per tutti i tessuti, o cambia a secondo del tessuto? Tu ci hai mai pensato? Quante domande mi dirai, vieni al dunque. Certamente, in queste righe potrai leggere alcuni metodi, i più importanti che utilizzo per preparare i tessuti alla lavorazione.

 

Alcune regole per il trattamento del tessuto prima di cucire

Prima di cucire devi sottoporre il tessuto ad un processo, che lo renda irrestringibile, attraverso, l’immersione in acqua o attraverso la decatizzazione (decatissaggio, che utilizza il vapore acqueo,). Tutto questo per non avere sorprese successivamente, quando il capo pronto dovrà essere stirato o addirittura lavato. Se non facessi questa operazione, potresti avere un restringimento del tessuto, mentre lo stiri, oppure quando lo vai a lavare per la prima volta.

Trattamento del tessuto di lino

tessuti di lino

Questo procedimento che ora vado ad illustrarti è assai diffuso, ed è una buona regola da applicare sul lino, che è una di quelle stoffe che se non trattate ti riserverebbe brutte sorprese. Quindi è da seguire alla lettera. Immergi la stoffa in acqua fredda, falla asciugare in verticale lontano da fonti di calore, perciò stendila all’ombra e stirala con il ferro caldo sulla parte rovescio quando non è ancora totalmente asciutta. Interporni un panno tra il ferro ed il tessuto. Altra cosa importante, il ferro deve scorrere lungo il verso dell’ordito, mai della trama, questo è importante perché il tessuto non vada a deformarsi.

Trattamento del tessuto di cotone

tessuto di cotone

Anche il tessuto di cotone va preparato come il lino, usando la stessa tecnica. Esse sono due fibre naturali e tutte le fibre naturali e di origine animale facilmente si modificano.

Trattamento del tessuto di viscosa

Tessuto di viscosa

Il tessuto di viscosa è anch’esso un tessuto derivante dalla natura e ha la tendenza a modificarsi al primo lavaggio, stesso identico trattamento dei precedenti, magari abbassando leggermente la temperatura del ferro.

Piccola parentesi: sulla viscosa, c’è grande confusione, si pensa essere una stoffa sintetica. Attenzione alla parola   artificiale. Artificiale non vuol dire sintetica, significa: con i metodi tecnici usati ad arte, si ottiene un certo risultato. Infatti la viscosa si ottiene da fibre come: la cellulosa, la paglia, la polpa di legno, le quali per essere filate hanno bisogno di subire un procedimento chimico. Se guardata al microscopio può rassomigliare molto alle fibre del cotone.

Trattamento del tessuto di lana

Tessuto di lanaPer la lana ci sono 3 metodi:

  • avvolgerla in un panno umido, facendo attenzione a non formare pieghe; in modo che assorba l’umidità, poi stirare a ferro tiepido, interponendo un panno,
  • oppure stenderla su di una tavola in orizzontale poiché non si possa deformare ed esporla all’aperto per un’intera notte in modo da farle assorbire l’umidità che appunto si sprigiona di notte.
  • Oppure, vaporizzarla con il ferro nel verso dell’ordito, facendo scivolare il ferro interponendo ad esso un panno o mettendo a rovescio il tessuto.

Trattamento del tessuto di seta

Tessuto di seta

Esistono vari tipi di tessuto che al loro interno sono di seta. La fibra è lucente e pregiata, e direi piuttosto delicata.

Il tessuto, può essere cady, mikado, crepe, ed altri, il mio consiglio è quello di non lavarli con acqua perché trovo che perdano lucentezza, consiglio di portarli in lavanderia per un lavaggio a secco. Non tutti approveranno la mia indicazione, poiché molti preferiscono immergere il tessuto in acqua fredda con aceto bianco e sale per fissare il colore.

Quando sei in difficoltà e non sai se il tessuto potrebbe ritirarsi oppure no cosa puoi fare?

Trattamento del tessuto

Ecco il trucco che puoi adottare: io prendo una pezza di cotone, la bagno, la strizzo bene, e la appoggio in un angolo del tessuto. Poi appoggio il ferro da stiro sopra, se il tessuto andrà a contrarsi o ad incresparsi intorno al ferro, significa che è un tessuto che dovrai decatizzare. Quindi procedi a vaporizzare il tessuto a rovescio facendo scivolare il ferro in verticale lungo l’ordito.

Trattamento per i tessuti sintetici

I tessuti sintetici in realtà non dovrebbero subire modifiche perciò non viene riservato loro alcun trattamento specifico.

Alcuni tipi di ferro a vapore consigliati

Come spiegato il ferro è un elemento importante in sartoria, è un aiuto costante, con esso puoi eseguire  il   trattamento del tessuto prima di cucirlo: ecco perché qui metterò  alcuni tipi di ferro da stiro professionali, che possono fare al caso tuo.

Cliccando sull’immagine entrerai direttamente alla pagina Amazon, volendoli acquistare.


Ferro a vapore con caldaia

Polti vaporella 505, ferro da stiro a vapore con caldaia e tappo di sicurezza 3,5 bar prezzo € 67,98.

Ferro con piastra in alluminio 1750 W

  • Impugnatura in sughero isolante e traspirante
  • Tasto vapore continuo
  • Tappetino poggiaferro con inserti in silicone antiscivolo

 

Pferro da stiro a vapore con caldaiaolti vaporella, ferro da stiro a vapore professionale, con caldaia e tappo di sicurezza, 3 bar, prezzo € 109,00

  • Ferro con piastra in alluminio
  • Impugnatura in sughero isolante e traspirante
  • Tappetino poggiaferro removibile in silicone antiscivolo
  • Tasto per stiratura a secco
  • Ampia caldaia al interno che permette fino a 2 ore di stiratura.

Ferro da stiro a vapore con caldaiaLelit ferro da stiro con caldaia prezzo € 196,98

  • Ferro a caldaia da 1,4 lt
  • Autonomia fino a 1h 30
  • Pressione massima 5,5 bar
  • Consumo caldaia 1000 W; consumo ferro 800 W
  • Ferro da stiro a caldaia, asta reggifilo, tappetino per ferro