Avresti mai detto che il bottone ha origini tanto antiche?

Il bottone compare già in epoche primitive (di osso o di bronzo), è presente in scavi archeologici dell’Indo nell’età del bronzo in Cina (2000, 1500 a.C ).

Bottoni antichi, immagini

etsy.com                                                          kijiji.it

bottone ispirato alla cacciabottone in ramebottone in rame

 

 

Utilità del bottone

incartalarte.it

bottoni antichi

Il bottone nell’antica Roma era già conosciuto, ma il suo utilizzo non era l’utilizzo che conosciamo attualmente, per chiudere abiti o mantelli si utilizzavano lacci o spille (fibule) il bottone veniva spesso utilizzato  per fermare drappeggi, era per così dire un accessorio che abbelliva.

 Quando viene impiegato per chiudere gli abiti? Quando il bottone diventa un accessorio utile e non solo di abbellimento?

Forse se ci si pensa un attimino si può dedurre… Prova a domandarti ” quando compaiono abiti un poco più aderenti?” Questa è senza dubbio la domanda giusta.

Il bottone acquista la sua funzione quando compaiono abiti più aderenti nel 1300 circa, peraltro sempre fabbricati in materiale prezioso, oltre ad avere la loro funzionalità erano piccoli gioielli ed anche un investimento.

Il bottone da allora non ha mai perso la sua funzionalità è sopravvissuto ad ogni epoca, è sopravvissuto anche alle rivoluzioni e alle guerre, da principio costruito con materiali preziosi quali: l’oro, l’ argento, l’ambra,  il cristallo, la madreperla, le stesse perle…. ricordo a questo proposito che Clemente VII nel 1478-1534 si faceva costruire i bottoni in oro da Benvenuto Cellini, ora vengono fabbricati con materiale meno nobile quale: la plastica o il metallo.

Ritenuti ormai oggetti senza l’importanza e il ruolo che si meritano, spesso sono sottovalutati.

Bottoni ed epoche

DAL MUSEO DEL BOTTONE A SANTARCANGELO DI ROMAGNA alcune immagini

wordsocialforum

Museo dei bottoni maiolica tedesca smaltata 1800bottone raffigurante Maria Antonietta 1800bottone del XXsecoloI bottoni furono di dimensioni molto ridotte sino al 600 poi cominciarono ad ingrandirsi, comparirono  piccoli ovali di porcellana, d’avorio, di vetro, dipinti a mano, smaltati (raffiguranti paesaggi, ritratti, animali o fiori) incastonati in cornici di filigrana d’oro o d’argento.

 E’ con la rivoluzione industriale che il bottone comincia ad essere realizzato con materiali più poveri e perde un poco la ricerca estetica ed anche la sua importanza.

dejavuteam.com

Art Déco anni 30Negli anni 30 viene rilanciato il gusto estetico, grazie al movimento artistico Art Déco il quale dà ai bottoni le forme più strane pur realizzandoli con materiale povero quali: il sughero, la madreperla, plastica. Sono di quegli anni bottoni con forme veramente inusuali e per questo caratteristici dell’epoca, a forma di serpenti, cesti di fiori…

Ma la guerra negli anni quaranta riporta il bottone alla sua funzione sobria e semplice.

etsy.com

bottoni in pasta di vetro anni 40

Il bottone tornerà ad avere una funzione di gioiello, ricercato coloratissimo e particolare negli anni 60, ma

come la moda tornerà a diventare semplice e funzionale, altalenante, ieri gioiello, oggi semplice o bizzarro e domani…?

Ora abbiamo anche i bottoni a pressione e le zip (cerniere) ma il bottone ha un’altra storia.

 

IL bottone fonte d’ispirazione

Il bottone è stato spesso usato come fonte d’ispirazione per farne piccoli gioielli osservate queste immagini.

anello fatto con un bottone  collana nocciolae beigecollana formata da bottoni di vetro colorati  collana formata da bottoni di vetro color verde acqua bracciale formato da bottoni  Erica.Bracciale Le coucou Spring collection